Facci caso: mostra fotografica in un luogo che non t’aspetti - Fotozoom

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Per saperne di piu' clicca su "approfondisci"

  • Home
  • Blog
  • Blog
  • Facci caso: mostra fotografica in un luogo che non t’aspetti
Mercoledì, 30 Novembre 2016 10:47

Facci caso: mostra fotografica in un luogo che non t’aspetti

Dal 1 Dicembre l’Autorimessa S. Agostino si trasformerà in spazio espositivo dove scoprire la città di Arezzo attraverso le immagini di 4 diversi autori.
Facci caso: questo il titolo della mostra fotografica che sarà inaugurata giovedì 1 dicembre 2016 presso l’autorimessa S. Agostino di Via Pietro Aretino, alle porte del centro storico di Arezzo. Un titolo che rappresenta un invito, da un lato a scoprire, tra le auto parcheggiate nel garage, le immagini dei quattro autori in mostra: Erica Andreini, Luca Cacioli, Luca Calugi e Luigi Torreggiani; dall’altro a riconoscere, nelle fotografie esposte, scorci e dettagli raccolti tra le mura della città.

“Abbiamo concepito questo progetto, proposto dai gestori dell’Autorimessa, come suggerimento all’osservazione della stupenda città in cui viviamo, allontanandoci però dai luoghi comuni e più blasonati e concentrando la nostra ricerca su aspetti curiosi e meno riconoscibili del centro storico” spiegano gli autori. “Questa autorimessa è il luogo dove la gente parcheggia per poi camminare tra le antiche strade del centro. Per questo ci interessa che le fotografie, poste fisicamente tra la propria auto e la città, diventino spunto per riflettere su un modo diverso e forse più profondo di concepire l’azione così naturale, ma non certo banale, dell’osservare i luoghi che ci circondano”.

Erica Andreini ha immortalato le statue del centro, come simbolo di un turismo che è cambiato e frettolosamente ci cammina accanto, spesso senza notarle.

Luca Cacioli si è concentrato sui dettagli architettonici dei palazzi, decontestualizzandoli e trasformandoli in esperimenti materici.

Luca Calugi ha focalizzato la sua attenzione su aspetti ricorrenti della città, segni ingombranti e incombenti ma poco osservati: i colonnati artificiali e naturali di Arezzo.

Luigi Torreggiani ha infine posto l'attenzione unicamente su due vie del centro sconosciute ai più:Via delle Fosse e Via delle Paniere, teatro dei vecchi bordelli della città.

La mostra, visitabile fino a domenica 29 gennaio, sarà inaugurata con un aperitivo presso il Golden Bar, posto proprio di fronte all’autorimessa, luogo che ospiterà anch’esso alcuni scatti selezionati dagli autori. La serata inizierà alle 19.30 per poi proseguire, dalle 20.30 (orario di normale chiusura dell’autorimessa) con la visita all’esposizione. Per il restante tempo la mostra sarà sempre visitabile liberamente negli orari di apertura dei locali.

Letto 805 volte